2016.01.19 Albergo sotto la slavina

0

Oggi il lavoro mi ha tenuto lontano dai mezzi d’informazione.
Appena arrivato a casa, però, ho acceso la TV assistendo all’intervista di un padre, un uomo anziano che a piedi te
ntavava di raggiungere l’Hotel #Rigopiano sepolto da una valanga, per avere notizie della figlia, dipendente dell’albergo.
Al di là di facili proclami politici o premature polemiche, ora è il tempo dei soccorsi, sono gli occhi gonfi di quell’uomo, lo sguardo triste che tenta di abozzare un dolce sorriso, a parlare.
È il silenzio di quel vecchio che avanza deciso, con un bastone, ad urlare.
È la consapevolezza di una tragedia che quando arriva, ti coglie sempre impreparato.
È per chi soffre, per chi sta correndo a soccorrere che tutti noi dobbiamo combattere, perché queste cose non accadano più!
Perché i terremoti, le nevicate e le valanghe ci saranno sempre, l’incuria, l’impreparazione e la cattiva amministrazione non dovranno esserci più!
Massimo Bessone

Share.

About Author

Leave A Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.