Una notte da incubo…

0

Questa notte stavo dormendo tranquillamente, quando ad un tratto ho sentito suonare il campanello.
“A quest’ora? Chi potrebbe essere?” Mi sono chiesto spaventato?!
Nel recarmi ad aprire la porta, le gambe mi tremavano, non so se per la stanchezza o per la paura che fosse successo qualcosa di grave.
Dopo essermi fatto coraggio, apro e vedo con stupore che è il ministro Alfano che sorridendo esclama: “Bessone, perdona il disturbo, ma passavo di qui ed ho pensato di fare colazione con te, anche per rimproverarti di persona i tuoi post, su Facebook, contro di me”.
“Che fare? Lo faccio entrare? Sì, perché no?! In fondo è pur sempre la prima volta che un ministro entra a casa mia.”
Dopo poco siamo già a tavola per la colazione, io pane e marmellata di albicocche, lui quella di fragole, anche lì non andiamo d’accordo. 😊
“Oh caspita, ho dimenticato i caffè!” Esclamo mentre mi alzo da tavola e aggiungo: “Alfano, lo vuole macchiato o nero?”
E lui sorridendo: “Nero, grazie! Ma, chiamami pure Angelino!”
“Angelino?! “… 😨

Beh, era troppo!
Anche gli incubi notturni hanno la loro dignità! 😉
Mi sono svegliato di colpo ed ho guardato l’orologio, erano le 4:17.
E adesso, a distanza di un’ora, sono ancora seduto in questa stanza buia a giurarmi di non mangiare più una pizza con salamino piccante e peperoni dopo le 21. 😂

Che dire? Spero almeno d’avervi strappato un sorriso?!
E, mi raccomando, passate una buona domenica.

Share.

About Author

Leave A Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.